View Colofon

Non lo ero, ma ora lo sono. Sensibile a ogni variazione atmosferica.

Translated from SR to IT by Sara Latorre
Written in SR by Marija Pavlović

Il vento soffiava la neve prima sul viso, su una sponda del canale, e poi, raggiunto l'altro lato del ponte, sulla schiena, cosa che nel complesso era abbastanza piacevole. Da quella parte il paesaggio si vede anche meglio, senza bisogno di strizzare gli occhi. Il canale non è ancora del tutto ghiacciato, ma lo sarà nel giro di un paio di giorni. È quasi certo. Inizialmente sembrava un'illusione ottica, ma poi si è fatta sempre più nitida l'immagine di un cigno intento a scavare un buco nella superficie semighiacciata, proprio in mezzo al canale. Si impegna e apre una breccia, poco alla volta, in modo lento, ma costante.
Ci si ferma a osservare quest'immagine. È faticoso, ma anche indispensabile, guardarlo scavare. Nessuno si chiede perché non sorvoli quella parte fino al ponte, dove l'acqua è navigabile. Nessuno si chiede perché non sorvoli, poiché si dà per scontato che quello sforzo sia inevitabile. Che sia indispensabile. Che esista una ragione naturale per cui si sceglie sempre e solo la strada più difficile.

Il pulsante luminoso dell'ascensore suggerisce che sta andando giù, verso l'uscita. Esce con la chiara intenzione di rimanere fuori per poco, un salto alla panetteria, qualcosa da mangiare, uno jogurt e via. Arriva alla porta, c'è scritto ОБУЋАР, CALZOLAIO. Si ferma lì davanti, attraverso il vetro vede che un uomo da dentro la guarda con aria interrogativa, sopra la montatura degli occhiali, come se stesse valutando la ragione della sua esitazione. Lei è lì in piedi con una mano alzata, quasi avesse paura della maniglia. Si decide a fare quel passo ed entra.
    «Buongiorno.»
    «Buongiorno.»
    «Cos'è successo alla panetteria?»
    «Quale panetteria?»
    «La panetteria che c'era qui fino a ieri.»
    «Deve aver sbagliato strada, questo negozio si trova qui da più di vent'anni.»
    Tace. Si guarda intorno. Mensole con scarpe consumate, un macchinario ingombrante per ammorbidire i modelli di quelle già pronte. Lucido da scarpe e spazzole, sistemati su più livelli che indicano la loro lunga presenza nel posto. 
    «Non capisco.»
    «La panetteria più vicina è a due strade da qui, ma c'è anche quella piccola dentro al supermercato.»
    «Grazie, perdoni la mia confusione.»
    «Nessun disturbo, arrivederci.»
    «Arrivederci.»
    Torna a casa, senza colazione. Mette sul fuoco l'acqua per il tè. Cerca di capire cosa sia realmente successo. L'acqua bolle, versa il tè, aspetta, tira fuori la bustina, aggiunge un po' di latte. Guarda l'orologio, ha tempo di passare da sua madre al lavoro prima della visita. Deve prenderle un biglietto del treno. Sarà insopportabilmente lento, ma è sempre un'opzione migliore dell'aereo. Sua madre ha paura dell'aereo. 
    Entra nella fabbrica di orologi. In portineria non c'è nessuno, ma a lei non serve nessuno. Sale al secondo piano e si dirige a passo sicuro verso l'ufficio di sua madre. Arriva alla porta. Lì, accanto alla scritta КЊИГОВОДСТВО, CONTABILITÀ, nota con meraviglia un nome diverso. Mladen Šumanović. Fa un passo indietro, guarda dietro di sé per controllare di non aver per caso sbagliato porta. Ma no, quella è la porta che varca ormai da anni. Eppure, lì sopra, accanto alla solita targhetta con la scritta CONTABILITÀ, ora c'è un nome diverso. E non è il nome di sua madre. Bussa ed entra immediatamente, per togliersi ogni dubbio. Al tavolo è seduto un uomo, Mladen Šumanović. Lo guarda per qualche secondo. Anche lui la guarda, confuso.
    «Prego?»
    «Mi scusi, cerco Radmila Pešić. Ho sbagliato piano?»
    «In quale reparto lavora la signora Pešić?»
    «In questo, in realtà. Anche lei è una contabile.»
    «Questo è impossibile. Io sono l'unico contabile dell'azienda.»
    Estrae dalla borsa il biglietto e lo sventola davanti a lui, come se chiarisse tutto. «Ma sono passata di qui per darle il biglietto.»
    «È sicura di essere nel posto giusto?»
    «Certo che sono sicura. Radmila Pešić è mia madre. Vengo qui da anni. È uno scherzo, vero?»
    «E cosa le hanno detto giù in portineria? Forse deve chiedere a loro? Però sono sicuro che in questa parte dell'edificio non ci sia nessuna collega che si chiama così.»
    «Ma lei chi è? Da quanto lavora qui?»
    «Io sono Mladen Šumanović, contabile. Lavoro qui da sette anni.»
    Lo fissa. Esce dall'ufficio, non chiude la porta dietro di sé, rimette il biglietto nella borsa mentre corre giù per le scale. Passa accanto a una donna sconosciuta in portineria, chiama sua madre al telefono, ma sua madre non è raggiungibile. Esce fuori, si accende una sigaretta, si ferma. Chiama Milan, ma lui non risponde, sicuramente ha una riunione. Gli manda un messaggio: non so se sono io o se è una giornata così, ma mi sento proprio strana. chiamami quando puoi, non è urgente. 
    Spegne la sigaretta, odia il sapore che le lascia sulle labbra, sempre uguale. Mette la mascherina, sale sull'autobus, si siede. Non capisce. Non riesce a collegare tutto in un insieme logico. Guarda fuori dal finestrino, però in realtà non guarda fuori dal finestrino ma attraverso gli eventi del giorno, cercando allo stesso tempo di convincersi che si tratta di una di quelle situazioni in cui non vedi le cose in modo chiaro, e poi ti senti ridicola, perché eri temporaneamente cieca di fronte alla risposta che avevi avuto sotto al naso per tutto il tempo. 
    «Biglietti, per favore.»
    Tira fuori il portafoglio, estrae il biglietto dalla tasca interna dove sta sempre, lo porge alla controllora. 
    «Cos'è questo?»
    Guarda la donna negli occhi da sopra la mascherina. Ha la mascherina sotto al naso. «Le è caduta la mascherina, deve tenerla sopra al naso.»
    «Lei è molto intelligente, signora. Dato che ha avuto il tempo di mettersi in ghingheri e di fare la sapientona, forse avrebbe potuto trovare anche il tempo di comprare il biglietto.»
    «Ma gliel'ho dato il biglietto, cosa dice?»
    «Non faccia finta di essere pazza, piuttosto scenda con me alla prossima fermata, su.»
    Le restituisce il biglietto. Lei lo prende, lo rigira tra le mani e vede che c'è scritto Библиотека Олдос Хаксли ЧЛАНСКА КАРТА, TESSERA UTENTE Biblioteca Aldous Huxley. Che diavolo è? La biblioteca della sua città natale, che frequentava durante la scuola dell'obbligo. La apre e vede la data dell'ultimo libro preso in prestito, 16. 06. 1993. 
    Scende alla fermata successiva, la controllora le urla contro, lei non la ascolta, non vede, non prende atto di quello che sta succedendo, va via. Chiama Milan. Non risponde. Chiama sua madre. Non è raggiungibile.
    Gira l'angolo e invece della stazione ferroviaria vede un enorme centro commerciale Macy's splendente, all'angolo della 34° strada di New York. Tira fuori dalla borsa il biglietto con il logo Железнице Србије, Ferrovie Serbe, e lo fissa come se fosse una prova inconfutabile della realtà. Guarda il centro commerciale. 
    Ferma un taxi. Scandisce l'indirizzo di una clinica privata in cui ha appuntamento per una visita ginecologica. Il taxi parte e lascia quel pezzo di New York dietro di lei. Si ferma davanti all'ingresso della clinica. Entra. Al banco dell'accettazione verifica di avere ancora l'appuntamento per la visita e per fortuna riceve una risposta affermativa. Si siede di fronte all'ambulatorio. Aspetta che la chiamino. Si calma. Alcune cose sono rimaste al loro posto. Entra nell'ambulatorio. Si mette in posizione per l'esame vaginale. La dottoressa mette un condom sulla sonda, applica il gel sul condom, inserisce attentamente la sonda nella sua vagina e regola lo schermo a ultrasuoni in modo che lo possano vedere entrambe. Tace. Guarda lo schermo confusa. Clicca i pulsanti sullo schermo, ma no, non è un problema del macchinario, oggi ha già fatto altre visite, il macchinario è nuovo e funziona alla perfezione. 
    «Non capisco. Lei non ha le ovaie. Sono sparite. Cioè, al loro posto c'è un vuoto inspiegabile. Quand'è l'ultima volta che ha avuto le mestruazioni?»
    «Dodici giorni fa. In che senso non ho le ovaie?»
    «Non ci sono. Sono sparite. Erano all'incirca in questo punto durante la visita precedente.»     Traccia dei movimenti circolari sullo schermo. «Per questo non capisco, ma devo constatare che non ci sono. Estraggo la sonda piano piano, può rivestirsi, i fazzoletti sono dietro al paravento. Poi si fermi in ambulatorio, vado a cercare la primaria, le chiedo un consulto aggiuntivo.»
    Si alza, le gira un po' la testa, dev'essersi sollevata di colpo. Si asciuga. Si veste. Esce dall'ambulatorio, lascia la porta aperta dietro di sé. Non vuole vedere la primaria, non vuole aprire un nuovo capitolo di quella giornata, tutto ciò di cui ha bisogno è andare a casa e sdraiarsi. Abbassa la mascherina, si accende una sigaretta, le tremano le mani. Riceve un messaggio da Milan che dice sbagliato numero, dev'esserci un errore. Chiama Milan. Sente una voce maschile, ma quella voce non sembra quella di Milan, né per età, né per tono, né per calore. 
    «Sì?»
    «Milan, cosa vuol dire sbagliato numero?»
    «Signora, io mi chiamo Miodrag, deve aver sbagliato numero, come le ho scritto nel messaggio.»
    «Il suo numero è 0675552424?»
    «Sì, è proprio il mio numero.»
    «Ma è il numero di Milan.»
    «Signora, io non conosco nessun Milan, ma questo numero ce l'ho dal 2008. Controlli di non aver confuso qualche cifra.»
    «Milan, non è divertente, sto male, smettila. Ho bisogno di parlarti.»
    «Signora, non c'è di mezzo nessuno scherzo. Ora devo proprio andare. Arrivederci.»
    Si siede su una panchina del parco. Chiama sua madre. Non è raggiungibile. Guarda davanti a sé. Il vento accartoccia e trasporta delle mascherine di plastica, alcune di esse hanno macchie di rossetto sulla parte interna. Si alza. Cammina per strada, spera verso casa. È ferma a un semaforo. Un vecchio col bastone vicino a lei si volta, la guarda e chiede: «Sente la pressione?».
    «Scusi?»
    «Nell'aria, la pressione. Io sto sempre male     quando cambia il tempo.»
    Scatta il verde. Continua a camminare. Dopo qualche isolato capisce che quella zona, che conosce così bene, non è più la stessa. Come se fossero spuntati nuovi edifici che non le appartengono. Come se comparissero in tempo reale, alla velocità del suo passo. Come sono brutti. Com'è difficile. Si ferma, deve andare al WC. Indossa la mascherina, entra nel bar "Novi horizont", va verso la toilette, non presta attenzione al barista che le si rivolge in una lingua sconosciuta. Corre nello stanzino, si abbassa le mutande, piscia, a lungo, come se avesse trattenuto il contenuto di tutta la giornata nella vescica. Ora riesce a respirare. Si riveste, tira lo sciacquone, va al lavabo, si lava le mani, nota di avere lo smalto sulle unghie, non ricorda quando se l'è messo. Alza la testa verso lo specchio, guarda il suo riflesso e inizia a urlare. Il volto della donna davanti a lei le è completamente sconosciuto. Gonfio, con le occhiaie e il trucco sbavato sulla pelle leggermente unta, quel volto sta urlando ma non è il suo. Neanche quei denti sono i suoi. Dà un colpo allo specchio con una mano, come se volesse aggiustarlo, farlo funzionare, perché mostri il suo vero volto. Lo colpisce forte, urla, ci sbatte la fronte e lo rompe, sopra rimane un po' di sangue suo o di qualcun altro prima di lei. Ora il barista è davanti alla porta e grida nella stessa lingua incomprensibile, si sgola, suppone che le stia ordinando di andarsene, cos'altro, che chiamerà la polizia e così via. Prende la borsa ed esce, spinge via il barista, se ne va e lascia la porta aperta dietro di sé. Corre verso casa, gli isolati continuano a susseguirsi, corre e cammina, e si comporta come se fosse ancora lontana da casa. Rallenta, inciampa, poi si rialza e continua e per tutto il tempo si sforza e continua così e alla fine arriva al suo palazzo. Attorno al palazzo non c'è niente, è deserto. Non importa, basta che entri e che si chiuda a chiave, che si stenda e riposi. Che si faccia una doccia. Un farmaco per calmarsi. Che si addormenti. 
    Non c'è più l'ascensore. Solo le scale. Sale, piano, ma con ostinazione, fino al settimo piano. Arriva, senza fiato, infila la chiave nella serratura, apre, entra, butta la borsa sul pavimento, si spoglia, va in bagno, si fa una doccia, non guarda il corpo, non sa di chi sia quel corpo, non ha importanza, basta che lavi il corpo, che metta il corpo sul letto, che sedi il corpo e se ne dimentichi. Che il corpo si addormenti. 
    Si sveglia la mattina dopo, si strofina gli occhi. Si sente a pezzi, come dopo un incubo dovuto alla febbre alta. Mentre si strofina gli occhi, capisce di avere una fede all'anulare. Mentre prepara il caffè, capisce di avere un marito e tre figli. E un gatto. Che non ci sono né utero, né ovaie, né madre, né lavoro, né Milan. Che non ci sono il suo corpo, la sua città, le sue vacanze, i suoi risparmi, che non ci sono treni né per Budapest né per qualsiasi altra destinazione. Che non conosce nessuno. Che non riconosce se stessa. Che non incontra nessuno di nuovo. Che non va da nessuna parte. Che non entra più nei vecchi vestiti. Che in realtà sta stendendo la pasta per la pita della colazione. 

Ce l'ha fatta. Si è aperto un varco fino all'acqua sotto al ponte. Ora si muove libero, lungo gli ultimi metri quadrati non coperti dal ghiaccio.

More by Sara Latorre

24

17 22 dicembre 2014, Diario de Vida     La natura spettrale di Plaza de España consisteva nel suo rispecchiare la magnificenza di una civiltà precedente, che nell’epoca moderna non aveva più senso.  Che se ne fa la forza colonizzatrice di una piazza così importante, pomposamente suddivisa nelle province spagnole, pensata per celebrare tempi passati? Le carrozze giravano attorno alla fontana, offrendo ai turisti di giocare alla nobiltà per pochi soldi. Bene, almeno qui non ci sono segway. Un cavallo sfruttò la distrazione del cocchiere, si liberò dal giogo e corse al galoppo verso la propria ...
Translated from SR to IT by Sara Latorre
Written in SR by Marija Pavlović

MONDOBOIA

DISCLAIMER: MONDOBOIA è una raccolta di racconti composta da sei cicli (Jedna neobična vest, Ptice ne preleću prigradska naselja, Crtice iz minibusa, Skorosmrtnica, Na usta, Ako ste nas bombardovali). Ogni ciclo comprende cinque racconti che ci introducono ai personaggi e agli eventi delle loro vite, hanno finali aperti, sono spesso privi di introduzione e si collegano l’uno all’altro a livello spaziale. Nel complesso, la raccolta di racconti MONDOBOIA tende ad avere un approccio umoristico e ironico alle tematiche serie della vita quotidiana di persone che vivono un momento storico o intimo d...
Translated from SR to IT by Sara Latorre
Written in SR by Ana Marija Grbic

Lieto fine

Mi ha svegliato la pioggia. Si è intrufolata nel mio sogno, all’inizio non capivo da dove venisse. Stavo nuotando nell’infinito del Pacifico. So che era il Pacifico, l’ho riconosciuto dai programmi in TV. Nuotavo attraverso il turchese e il cristallo. Dicono così nei reportage, turchese e cristallo. Dai fianchi mi penzolavano i nastri di perline con cui si allaccia il costume da bagno. L’ho visto nelle fotografie. Il mio primo costume da bagno, da bambina. Il cielo ha calato il sipario mentre ne sistemavo il nodo. Gocce pesanti mi cadevano sulla testa e sulle braccia tese, diventavano sempre p...
Translated from SR to IT by Sara Latorre
Written in SR by Jasna Dimitrijević

Pennarello

All’inizio Robert è sul divano da solo, alla sua destra c’è la macchia di pennarello rosso lasciata da Sven qualche mese fa. Chiede come sto, se i negozi e le farmacie sono aperti, se ho tutto quello che mi serve, cosa farò se dovesse succedere qualcosa. Sto bene, sono aperti, ho tutto, non succederà niente. Ogni giorno mi chiede le stesse cose, ogni giorno gli rispondo allo stesso modo. Qui non succede niente dopo le cinque di pomeriggio. Il senso della chiusura sta proprio nel non far succedere niente, vorrei aggiungere, ma so che è meglio evitare. Robert dice che ha sete, va a prendere un b...
Translated from SR to IT by Sara Latorre
Written in SR by Jasna Dimitrijević

Nonostante la primavera

La forte luce al neon di una lampadina scadente incalza Marijana Grujić mentre cerca di scrollarsi via la polvere dalle cosce. È giovane e la vita le concede ancora corse sconsiderate verso la porta di casa, così, evitando di dover camminare sull'asfalto, può ruzzolare le vecchie scarpe fra la terra e la polvere. Riflette, fino a ieri riusciva a saltare l'elastico soprattutto quando se lo alzavano fino alle cosce per giocare a "cosce senza tentacoli", e oggi un ragazzo l'ha baciata con la lingua, una lingua calda e ruvida che le ha riempito la bocca. La vita è fatta di cambiamenti, così dice s...
Translated from SR to IT by Sara Latorre
Written in SR by Ana Marija Grbic
More in IT

Fili

La ricerca inizia senza volerlo. Mi sento legata a lei in maniera allarmante, inspiegabile, e la sua scomparsa mi lascia carica di domande. Quando mi sveglio mi chiedo dove dorma e che vita faccia, e continuo a pensare a lei mentre osservo le nuvole dalla finestra sul tetto e mi masturbo tra le lenzuola, una sensazione morbida e lanuginosa. Quando passo davanti alle bancarelle della frutta del nostro quartiere sfioro le arance con la punta delle dita finché non ne trovo una che mi ricorda lei, con la pelle perfetta. Ero finita nel suo corso per via di un dolore persistente al collo. Il chine...
Translated from NL to IT by Francesco Panzeri
Written in NL by Hannah Roels

Diario

21 agosto Mi chiamo Erik Tlomm e questo è il mio diario. Scrivo su prescrizione dello psichiatra, a quanto pare allo scopo di una più pronta guarigione. Ma a chi dovrei scrivere nello specifico? A lui? A Lina, mia moglie? Non vorrà mica mostrarle quello che scrivo? «Scriva a sé stesso» è stata la risposta dello psichiatra a queste mie perplessità. Ho quindi comprato un quadernetto in pelle e ora mi ritrovo qui, a questa scrivania, a scrivere un diario a me stesso, anche se non riesco a liberarmi della strana sensazione di non stare scrivendo solo per me, ma pure per qualcun’altro – ma chi? 2...
Translated from SL to IT by Lucia Gaja Scuteri
Written in SL by Mirt Komel

Non voglio essere un cane

Eliminare le pene d’amore, digito. Adesso deve finire. Vedo storie di persone, ma io non voglio storie, voglio soluzioni, non compassione. Trasformazione, digito. Secondo Google, la trasformazione è presente nella matematica e nella genetica. Scelgo la seconda, prendendo così la mia prima decisione. Sono stanca di questo corpo che è già stato baciato da troppe persone, che forse è stato rovinato, l’ho trattato senza scrupoli, con troppa leggerezza, deve sparire, cambiare, e in meglio. Trasformazione genetica. Sullo schermo lampeggia «dieta depurativa». Trasformati in una nuova versione di te. ...
Translated from NL to IT by Olga Amagliani
Written in NL by Alma Mathijsen

Va bene così

La macchina del caffè la porta via. Non sa più chi è, sa solo di essere una donna con una DeLonghi Magnifica S ECAM20.110.B automatica nera e grigia. Poiché non sa più niente, ogni dettaglio è importante. Quando di mattina la macchina macina i chicchi di caffè con un frastuono tremendo, si sveglia immediatamente – e i vicini pure. L’ha comprata di seconda mano su Coolblue e l’ha aspettata alla finestra per quattro mattine di fila, aggiornando il track and trace ogni cinque minuti. Poi aveva iniziato ad aggiornare il track and trace e contemporaneamente i messaggi di Twitter perché dio, ch...
Translated from NL to IT by Francesco Panzeri
Written in NL by Aya Sabi

24

17 22 dicembre 2014, Diario de Vida     La natura spettrale di Plaza de España consisteva nel suo rispecchiare la magnificenza di una civiltà precedente, che nell’epoca moderna non aveva più senso.  Che se ne fa la forza colonizzatrice di una piazza così importante, pomposamente suddivisa nelle province spagnole, pensata per celebrare tempi passati? Le carrozze giravano attorno alla fontana, offrendo ai turisti di giocare alla nobiltà per pochi soldi. Bene, almeno qui non ci sono segway. Un cavallo sfruttò la distrazione del cocchiere, si liberò dal giogo e corse al galoppo verso la propria ...
Translated from SR to IT by Sara Latorre
Written in SR by Marija Pavlović

La tapioca

Fu il rombo del motore del furgoncino dell’associazione ad annunciare che era ora di pranzo, in quel giorno in cui il sole, dal tanto ardere, non si vedeva. Il vecchio era sotto l’albero di fico, con addosso una camicia molto sporca tutta sbottonata e con un ghigno ironico sulla bocca chiusa per reggere la sigaretta. Restò fermo a guardare la brasiliana – due grandi aloni d’acqua sotto le ascelle e il retro della divisa anch’esso inzuppato – uscire dal veicolo, andare a prendere i contenitori del cibo e dirigersi verso il capannone che fungeva da cucina, dove era solito stare. «Zio João! Zio ...
Translated from PT to IT by Elisa Rossi
Written in PT by Daniela Costa